Tanto, ma tanto tempo fa la Terra era un bel posto per viverci:
prati verdi, cieli azzurri, fiori e animali.
Ma poi… qualcosa cambiò: l’aria diventò strana e cominciò a fare caldo,
ma proprio un bel calduccio.
All’inizio fu piacevole ma il tempo passava…
…e il caldo non la finiva più,
tutto appassiva e si seccava e l’acqua evaporava e poi sparì
e con essa, pian piano tutto sparì:
prima le piante, poi gli animali e poi anche gli esseri umani sparirono.
Così la Terra restò sola e si annoiava tanto senza tutto il chiasso della vita,
­senza tutto quel solletico…
…che milioni e milioni di creature le procuravano
con il loro continuo camminare sul suo grande corpo.
E allora la Terra diventò triste, ma così triste che cominciò a piangere
e pianse, pianse tante lacrime che a poco a poco, prima solo qua e là,
poi sempre più fitte e rigogliose, ricrebbero le piante…
…e con esse ritornarono le api, i pesci, le tartarughe,
gli orsi e le lucertole e poi… pinguini, elefanti, usignoli e delfini,
cani, gatti, rinoceronti e balene…
…e anche gli uomini, piano piano, tornarono a fare il solletico alla Terra.
Quelle lacrime, lentamente, ridavano la vita,
perché quelle lacrime sgorgavano dal cuore della Terra…
erano e saranno sempre l’anima della Terra.
Tanto, ma tanto tempo fa,
da quelle lacrime
nacque il Mare.

Marine Village: lunga vita al mare!