Gi(a)llo Dorfles

«Un giallo amarillo
color del pistillo
invade il cervello:
andiamo da Gillo!»
Di mille campane
si sente lo squillo
il sole risplende
superbo e tranquillo
E dai! Non mi fare la faccia da grillo
colore del pesto del pasto camallo
non fare lo sguardo a doppio zampillo
riprendi un contegno tra il vispo e l’arzillo
se no fai la fine del prode armadillo
che troppo tranquillo divenne zimbello
per colpa del naso a punta di spillo
E adesso passando all’augusta casata
ti voglio a rifare la rima baciata!»
Ti voglio?
Attenta marrana… ti lascio di sas:
son qui che rimango stupita e perples
che voglia vedermi “LU”, proprio Dorfles!
Il cuor si riempie, straripa allegress
seppure, si sa, son tutta d’un pess
Chissà se al cospetto di tanta noblesse
farò la figura di patata less
Io spero che spirto di tanta finesse
perdoni l’ardire di queste sciocchess
e noti soltanto
quel pizzico d’oro
trovato quel giorno
nel nostro lavoro»